fbpx

Il vertice CIE (Cycling Industries Europe) 2021 riassunto in nove punti

Il vertice 2021 di CIE, svoltosi il 22 aprile, è stato ancora una volta un grande successo, che riflette chiaramente l’importanza in rapida crescita del settore. Il vertice ha avuto più di 900 registrazioni ed una vasta gamma di relatori con i migliori leader del settore insieme a funzionari dell’UE di alto livello che hanno mostrato il ruolo guida delle imprese del ciclismo nella ripresa e nella crescita verde europea. Il vertice 2021 di Cycling Industries Europe ha mostrato come il ciclismo stia guidando la crescita europea nella ripresa, nell’occupazione, nelle nuove mobilità e nella digitalizzazione.

NOVE PRINCIPALI ASPETTI DAL CIE 2021 SUMMIT

1.

Le industrie ciclistiche in forte espansione svolgono un ruolo importante nel realizzare la ripresa verde dell’UE. La previsione per il mercato delle biciclette è di crescere da 20 a 30 milioni di biciclette entro il 2030. Per le eBike si prevede un tasso di crescita medio del 15% che raggiungerà i 18 milioni di biciclette entro il 2030 – Ton Anbeek, CEO di Accell Group.

2.

Il settore del ciclismo è un ottimo esempio di leadership industriale europea. Questo è stato ben evidenziato dal segretario di Stato João Torres, l’attuale paese alla presidenza dell’UE, il Portogallo: “È incredibile vedere per le strade di Lisbona quale impatto positivo ha avuto l’investimento in e-bike su una città e sulle persone che vivono e lavorano lì. Il 2019 è stato l’anno in cui il Portogallo è diventato il più grande produttore di biciclette in Europa. Inoltre, il Portogallo ha battuto il suo record di esportazioni di biciclette, in circostanze eccezionali a causa del Covid19 “.

3.

Le industrie ciclistiche creano nuovi posti di lavoro verdi e crescita. Secondo i risultati del nuovo sondaggio del CIE presentati dal CEO Kevin Mayne “il 94% delle aziende prevede di aumentare il personale nei prossimi due anni. Il 54% lo ha già fatto“. Questo è stato descritto anche da Irwin Wouts di Decathlon: “Vogliamo lavorare con l’UE e gli Stati membri perché vogliamo sostenere la transizione verde. Vogliamo sostenere gli investimenti del settore e attrarre investitori stranieri qui in Europa che aiuteranno a sviluppare posti di lavoro verdi.”

Un viaggio in bicicletta genera benefici per la società del valore di €3, in particolare in termini di riduzione dei costi della salute pubblica, della congestione e delle emissioni di gas serra

Erdem Ovacik, fondatore e CEO di Donkey Republic.

4.

Un viaggio in bicicletta genera benefici per la società del valore di €3, in particolare in termini di riduzione dei costi della salute pubblica, della congestione e delle emissioni di gas serra – Erdem Ovacik, fondatore e CEO di Donkey Republic.

5.

Il vicedirettore generale presso la DG Move della Commissione europea Matthew Baldwin: “Quello che le industrie ciclistiche hanno fatto per mantenere lo slancio ciclistico è incredibilmente cruciale: vi siete riuniti per spingere l’UE e gli Stati membri a pensare alla bicicletta nei piani di recupero e resilienza recentemente annunciati. Ora la sfida è continuare così! “

6.

Forniamo strumenti digitali per rendere la bicicletta accessibile a tutti. Il benessere delle persone è fortemente legato alla mobilità quotidiana. La pandemia ha colpito la nostra mobilità, che a sua volta ha colpito il benessere e la salute mentale di molte persone – Elisabeth Felberbauer, Managing Director, Bike Citizens.

7.

L’e-bike è un ottimo modo per trasformare un viaggio in auto in un viaggio in bicicletta. La chiave del cambiamento è rendere una bicicletta aziendale uguale a un’auto aziendale in passato – Andrea Kurz, amministratore delegato, Jobrad.

8.

Il bike sharing è al centro della transizione verso una mobilità più sostenibile. Dà accesso alle biciclette a tutti e ha un ruolo chiave da svolgere nell’aiutare le città ad abbandonare l’uso delle auto – Paul-Adrien Cormerais, fondatore e CEO di Pony.

9.

Per soddisfare i requisiti per la riduzione delle emissioni di CO2 dai trasporti, “La quota di ciclismo nella ripartizione modale deve essere raddoppiata, indipendentemente dalla posizione; grandi città, città più piccole, aree rurali”. – Professor Dr. Manfred Fischdick, amministratore delegato, Wuppertal.

Fonte: Cycling Industries Europe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.