Trail Building School IMBA Italia di Torino, qualche chiarimento


Con l’avvicinarsi del corso di Trailbuilding a Torino ci siamo occupati di richiedere i permessi agli enti competenti e tramite loro alla proprietà dei terreni interessati. Tutto pronto!

Riteniamo sia appropriato scrivere qualche informazione in più per chi non sa cosa faccia IMBA o si limita al “sentito dire”. Allo stesso tempo, vogliamo creare le aspettative giuste per i partecipanti sperando anche di convincere i perplessi sull’approccio IMBA alla difesa dei sentieri

Momenti di lavoro dei partecipanti al corso di trailbuilding IMBA Italia

Momenti di lavoro dei partecipanti al corso di trailbuilding IMBA Italia

Nello specifico per la parte pratica del corso di sabato pomeriggio si lavorerà su un tratto di sentiero esistente e si creerà una nuova variante alternativa sperimentale che andrà a sostituire un tratto del sentiero attuale che presenta problemi di erosione e che è stato ritenuto non migliorabile o riparabile. Nel gergo IMBA non sostenibile.

Per erosione ai nostri fini si intende principalmente il dilavamento.

Wikipedia:

L’erosione del suolo da parte dell’acqua è detta anche dilavamento. Questo tipo di erosione si sviluppa gradualmente seguendo alcuni stadi: in primo luogo si ha un’erosione diffusa, che si ha ad opera del velo d’acqua che bagna la superficie secondo la linea di massima pendenza; in seguito si genera la cosiddetta erosione per rigagnoli, in cui l’erosione si concentra nei solchi generati dalla precedente erosione ed in cui scorre l’acqua (ruscellamento); infine si ha l’erosione a solchi, in cui l’acqua è riuscita a scavare nel terreno dei solchi e il fenomeno si attesta al loro interno. Tipici fenomeni di erosione di questo tipo sono i calanchi.

Se è vero che l’erosione sia un fenomeno naturale, è possibile adottare delle tecniche per diminuirne gli effetti dannosi sui sentieri.

La materia è abbastanza nuova e gli studi scientifici si contano sulle dita di una mano. Ho avuto la fortuna di assistere alla Sustainable Trailbuilding Conference negli USA ad una presentazione di Jeff Marion che è la persona che ha fatto più ricerca in assoluto su parchi e sentieri.

Leggi lo studio alla base della presentazione (inglese).

I fattori che sulla base della ricerca scientifica incidono maggiormente sull’erosione sono:

  • La pendenza del sentiero (fall line = erosione)
  • L’inclinazione o meno della base del sentiero verso valle (leggera contropendenza)
  • La distanza dall’ultimo elemento nel terreno adibito allo scolo delle acque (come canalina o compressione)

Purtroppo molta della rete sentieristica esistente è prona all’erosione non essendo stata progettata tenendo presente i fattori di cui sopra che ripeto sono relativamente nuovi. Il Prof. Marion spiegava che sono criteri che anche solo 25 anni fa non venivano assolutamente tenuti in considerazione.

Il nocciolo del corso e di gran parte del lavoro di sensibilizzazione e formazione che fa IMBA nel mondo è sui criteri che permettono di avere sentieri sostenibili.

Un sentiero dopo l'intervento di manutenzione effettuato al corso di trailbuilding IMBA Italia

Un sentiero dopo l’intervento di manutenzione effettuato al corso di trailbuilding IMBA Italia

Il sentiero sostenibile è un sentiero progettato e realizzato per:

  • limitare l’erosione sia naturale che da passaggi,
  • ridurre i conflitti tra diversi fruitori,
  • rendere l’esperienza dell’escursionista sicura e divertente.

Abbiamo ricevuto anche dei riscontri positivi dai partecipanti ai Traibuilding Workshops. Un partecipante geologo ha scritto:

La mia valutazione della giornata è positiva. Il concetto di “sentieri sostenibili” è valido.

IMBA si occupa di fornire informazioni chiare su come eseguire lavori di manutenzione dei sentieri secondo collaudati standard americani (IMBA U.S.A.).

L’attenzione posta a come impostare un corretto rapporto con gli Enti ed con i proprietari dei fondi, nonché le soluzioni tecniche per agevolare il drenaggio delle acque e prevenire situazioni di dissesto idrogeologico trovano la mia approvazione tecnica di geologo. Ovviamente tra la teoria e la pratica ci può essere una bella differenza … però dal punto di vista concettuale non ho nulla da eccepire.

Non si tratta di costruire Bike Park, si tratta di aver chiaro cosa fare e cosa non fare quando nasce l’esigenza o la volontà spontanea di metter mano a sentieri naturali che versano in stato di abbandono od erosione, per renderli fruibili, sicuri e divertenti, quindi sostenibili. Sempre più persone infatti (a titolo personale o con associazioni) si stanno dedicando a questa attività, ma spesso adottano soluzioni tecniche non adeguate.

Tanti i temi affrontati nel corso TBW fra cui il sentiero sostenibile

Tanti i temi affrontati nel corso TBW fra cui il sentiero sostenibile

Vogliamo tutti sentieri divertenti e che mettano alla prova la nostra tecnica di guida ed i limiti della nostra mtb. Al corso imparerete come queste giuste aspirazioni possano andare di pari passo col sentiero sostenibile.

Non riteniamo che l’aspetto ludico debba prevalere sul rispetto della natura. Ma le regole devono essere giuste nei confronti di tutti gli escursionisti, compresi quelli in bici. Purtroppo vediamo molte chiusure o minacce di chiusura alle mountain bike basate non su dati e studi scientifici ma su sensazioni personali o pressioni esterne immotivate.

TBS_Porretta-502

Foto di gruppo dei partecipanti al corso TBS 2015 di Porretta Terme (BO)

Ribadiamo che occorre essere uniti e responsabili sia come biker ed associazioni che come aziende del settore (finora quasi del tutto apatiche sulla questione difesa della sentieristica per mtb).

Tornando al TBS, auguriamo buon corso e ringraziamo tutti i partecipanti. Un sentito grazie anche a Regione Piemonte, Turismo Torino, Parco Collina Po (Riserva MAB UNESCO), GTT, MaxiMiglio, Buff  ed in particolare al presenting sponsor 4Guimp.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *