Tips & Tricks 3/4| Suggerimenti per la manutenzione dei sentieri MTB: restituire alla natura vecchi trail non sostenibili


Suggerimento #3: La chiusura e la bonifica dei sentieri danneggiati

Un sentiero è diventato un incubo di manutenzione? Il percorso è gravemente danneggiato nonostante il lavoro regolare sul trail? A volte la soluzione migliore per i sentieri erosi non è una manutenzione aggressiva. Raccomandiamo invece la chiusura del trail e la sua sostituzione con uno nuovo e sostenibile. Progettare e costruire una nuova traccia può richiedere molto tempo e un duro lavoro, ma a lungo termine la chiusura di un percorso che non funziona è meglio per l’ambiente. Un aspetto critico di qualsiasi progetto di re-instradamento su una nuova traccia è la chiusura e il recupero del vecchio tracciato. Qui di seguito vi elenchiamo otto elementi da includere nei vostri lavori di ripristino.

Create un nuovo percorso eccezionale

Un elemento chiave di ogni piano di chiusura dei sentieri è la creazione di un’alternativa divertente e sostenibile. È necessario fornire un nuovo percorso che sia più attraente di quello vecchio. In caso contrario, alcuni biker continueranno a percorrere il tracciato originale.

Progettate un’intersezione morbida (fluida)

Create una transizione naturale e senza soluzione di continuità nella nuova sezione. I fruitori del trail non dovrebbero essere in grado di riconoscere dove inizia il nuovo tracciato.

Educate gli utenti del sentiero

La maggior parte dei conflitti inerenti le chiusure dei sentieri può essere evitata se le persone capiscono il motivo. Tutto il vostro duro lavoro sarà sprecato se gli utenti del trail continueranno a utilizzare il vecchio percorso: assicuratevi di spargere la voce su quello che state facendo e perché; pubblicate dei cartelli per far sapere cosa cambierà; chiedete un feedback agli utilizzatori del sentiero e reclutate volontari per il lavoro da compiere. Una volta che il progetto è stato completato, considerate l’affissione di mappe che mostrano il nuovo sentiero spiegando perché quello vecchio è stato chiuso. Pensate positivo e focalizzatevi sui benefici del re-indirizzamento.

Rivoltate il terreno

Rivoltate completamente il terreno compattato della vecchia traccia per consentire la penetrazione di semi e radici di nuove piante. Non lesinate su questo passaggi chiave, utilizzando tutti gli attrezzi necessari: pulaski, marapicca, o anche una motozappa.

Controllate l’erosione

Si tratta di fermare l’acqua che scorre lungo il percorso. Le canaline di scolo sono facili da costruire, tipicamente fatti di tronchi, rocce o balle di paglia fissati lungo il sentiero per bloccare il terreno. Assicuratevi che siano abbastanza alti e ben fissati in modo che non vengano portati via dall’acqua. È disponibile un’ampia gamma di materiali realizzati per il controllo dell’erosione, progettati per assorbire e trattenere l’acqua, fornendo al tempo stesso un micro-clima ideale per la crescita della vegetazione. Questi includono graticci, coperte per il controllo dell’erosione e pacciame [composto] che combina fibre, semi, fertilizzate e leganti. Se il sentiero che state chiudendo è particolarmente roccioso e rimane poco terreno in superficie, provate a utilizzare sacchi di tela di iuta riempiti di terra e detriti come argini [dighe di contenimento]. Tagliate una “X” nella parte superiore di un sacchetto umido e trapiantateci un arbusto locale.

Trapiantate vegetazione

Iniziare a piantare sul vecchio sentiero è il modo migliore per ripristinare l’ambiente. Il terreno rivoltato fornisce spesso un’opportunità alle specie invasive, cercate quindi di combatterle piantando solo piante autoctone. Trapiantate arbusti e piccoli alberi prelevati dalla nuova traccia, utilizzando le tecniche corrette, fertilizzanti e un sistema d’irrigazione portatile per ridurre gli shock da trapianto.

Mascherate il passaggio

Il modo migliore per tenere le persone fuori dai sentieri chiusi è far sembrare che non ci siano mai stati. Il vostro obiettivo è eliminare il passaggio dalla vista, compreso lo spazio aereo sopra la vecchia traccia: spostate tronchi e rami sul terreno, usate piante cadute in verticale per bloccare il passaggio all’altezza degli occhi. Gettate foglie e altra materia organica come ultimo passo per completare il mascheramento.

Bloccate il passaggio

Come ultima risorsa è possibile bloccare l’inizio e la fine del percorso con una recinzione e dei cartelli. La prima potrebbe apparire fuori posto, attirando l’attenzione sulla chiusura e causando controversie. Rispondete alle domande naturalmente in arrivo affiggendo una segnaletica che spieghi la chiusura sulla recinzione o nei suoi pressi. La recinzione può essere tranquillamente rimossa quando il sentiero è stato chiuso per un po’ di tempo.

Tracciati di gara in pensione

Oltre ai consigli forniti in precedenza, ecco altre considerazioni riguardanti i percorsi usati in gara. Se sono stati utilizzati in gare di alto profilo – a livello nazionale o internazionale – molti biker vorranno ancora utilizzarli, richiedendo maggiore impegno da parte vostra. Dovete passare più tempo per bloccare e/o mascherare il passaggio, in particolare le sezioni che possono essere viste da altri sentieri o da aree pubbliche. Le zone utilizzate dagli spettatori possono essere sistemate con le stesse tecniche utilizzate sul sentiero. Spazi aperti come le piste da sci richiedono un’attenzione particolare. I moderni prodotti e tecniche di idrosemina dovrebbero essere seriamente considerati su percorsi gravemente danneggiati.

In vista di Take Care of Your Trails 2020 ogni settimana per tutto il mese di marzo pubblicheremo altri articoli come questo per aiutarti nell’organizzazione di un evento di manutenzione dei sentieri. Torna a trovarci presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.